Diadema

05/08/2014
Manuel Garibaldi

Questa notte è una tana boema
ci si imbosca e si va fuori tema
Questa notte si paga e consuma
si dà fuori a fissare la luna

Le battute dei carabinieri
e la grazia dei prigionieri
e di brutti ma buoni e dannati
esce orgoglio dai cori spanati

Ora vedo il tuo volto vicino
alla luce di questo accendino
prima che senta il dito bruciare
io stasera ti voglio baciare

E stasera stanotte domani
abbaiare di cani lontani
di campane dai campanili
un telefono che non ha fili

Ma è la luce di questa candela
che tremando rivela una tela
il ritratto che un po’ ti somiglia
altro secolo stessa famiglia

Altro abito stesso diadema
alla luce di fiamma che trema
pervenuto da aste incantate
col riassunto delle altre puntate

Giorni come dei colpi di sole
di lenzuola bucato e sapone
come razzi di carta stagnola
da dar fuoco sui banchi di scuola

Giorni come bacchetti d’incenso
tanto amore per niente compenso
e giocattoli di compensato
perchè il debito è stato pagato..ormai

Share Button

Comments are closed.